Tra ricerca sonora e lighting design: in Sala Vanni va in scena Hand Signed

0 Flares 0 Flares ×

Hand Signed è un progetto realizzato da OOH-sounds, neonata etichetta con la direzione artistica di Michele ‘Pardo’ Pauli e Andrea ‘Mixology’ Mi, Node Festival, prestigiosa rassegna dedicata ai nuovi suoni e Musicus Concentus, da sempre impegnata nella ricerca di nuove scene sonore, dal jazz alla new music.

Scegliendo come venue la Sala Vanni, lo spazio nel cuore dell’Oltrarno fiorentino dove da sempre si produce cultura,  gli ideatori hanno selezionato sette artisti internazionali fondamentali nella attuale scena elettronica sperimentale, accumunati da un approccio organico alla musica di ricerca, da un forte spirito di improvvisazione e dalla manipolazione analogica del suono.
Gli affreschi dell’affascinante Sala Vanni, saranno inoltre esaltati da un esclusivo progetto dedicato all’illuminazione, curato con il sostegno di Red Lighting, azienda italiana all’avanguardia nelle tecnologie di alimentazione e gestione wireless delle luci.

Protagonista della serata inaugurale sabato 30 Gennaio sarà il compositore giapponese di stanza a Berlino Masayoshi Fujita: si dedica al vibrafono come mezzo di narrazione, costruendo splendide storie dalle strutture ambient che convergono verso la neoclassica e trovano movimenti ritmici precisi e puntigliosi.

Hand Signed proseguirà il 19/02 con il violoncellista britannico Oliver Coates il cui album di debutto, “Towards The Blessed Islands”, è considerato un capolavoro dalla critica specializzata; il 18/03 con Bill Kouligas, artista visivo, musicista e designer (vanta collaborazioni con Lee Gamble, Spectre, Objekt e molti altri) che propone un mix organico, scuro, nutrito di techno, industrial, noise e varie forme sperimentali. Ad aprile saranno protagonisti il musicista poliedrico Nicola Ratti e il compositore elettroacustico francese Kassel Jaeger (9/04), mentre il 29/04 la londinese Beatrice Dillon proporrà il suo set eclettico tra cassette dub, compilation folk, deviazioni groove, free-jazz. La rassegna si chiuderà il 20 Maggio con Philip Jeck, compositore, coreografo e artista multimediale inglese che nelle sue performance manomette i suoni provenienti da più giradischi, riuscendo a plasmare materialmente quanto riprodotto.

Hand Signed si configura così non come un semplice evento, ma come frutto di un bellissimo legame di tre importanti realtà nel panorama della musica elettronica nazionale.

Ciascun live degli artisti in programma sarà introdotto da una sonorizzazione realizzata in forma di live/dj set:
30 gennaio – Masayoshi Fujita > introduzione a cura di Arousal
19 febbraio – Oliver Coates > introduzione a cura di Andrea Mi
18 marzo – Bill Kouligas > introduzione a cura di BACKWORDS

9 aprile – Nicola Ratti / Kassel Jaeger >  introduzione a cura di Martino Margheri e Nicola Giannini
29 aprile – Beatrice Dillon >  introduzione a cura di Gea Brown
20 maggio – Philip Jeck >  introduzione a cura di Fernando Fanutti

Per maggiori informazioni: www.musicusconcentus.com – 055 287347

Biglietti: Posto unico numerato € 15,00
Posto unico numerato in prevendita € 10,00 + dp su circuito Boxoffice Toscana www.boxol.it

Gianluca Danti

Classe 1988. Musicomane, promoter, deejay (???) affetto da pendolarismo acuto adeguatamente curato con cuffie e dischi sempre a portata di mano. Scrive di musica per passione, in irrefrenabile avanscoperta di nuovi Suoni.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×