Spaghetti al Pomo d’Oro

0 Flares 0 Flares ×

spaghetti pomodoroBuon anno giovane adulto che hai votato per il 70% NO, che non ti fai un mutuo né compri una macchina, che fai sharing economy per non dire che scrocchi, che fai crowd funding per non dire che fai colletta, che ha l’agenda piena di primi appuntamenti con gente che non rivedrai mai più, che non ti perdi perché non sai dove sta andando.

Il pomodoro giallo parla a te. Si rivolge alla tua immaturità fossilizzata che capisce come nessuno. Questa solanacea prende il suo nome dal fondersi delle parole “pomo di oro”, poiché erano gialle le prime drupe che arrivavano dalle Americhe.

E siccome che l’estate non dura per sempre lo sapevano già a metà dello scorso millennio, alcuni monaci ebbero l’idea di provare a conservarli appendendoli, usanza che nel Sud troviamo con il nome di “piennulo”, cosa che lo premia del titolo di “pomodoro d’inverno”.

C’è una familiarità confortante in questi spaghetto il cui giallo, per quanto più dolce, alla vista inasprisce e ci fa credere daltonici ma di cui solo tu, giovane adulto, potrai comprenderne l’invecchiare sembrando giovani per sempre, appesi tra acerbità, eternità e Inps.

 

testo e illustrazione di Marta Staulo

 

Articolo pubblicato dalla redazione.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×