La magia di Silvia Logi

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×

Si è conclusa da poco a 4quarti la mostra di Silvia Logi, artista fiorentina dalle opere coloratissime e magiche. Noi di Lungarno l’abbiamo incontrata e le abbiamo rivolto qualche domanda:

Come nasce la tua arte? Dove trovi l’ispirazione?
La mia arte è nata circa 10 anni fa da autodidatta con un approccio quindi di grande stupore e gioia nella sperimentazione. L’ispirazione rimane legata alle forme della natura. Ho creato la mia tecnica usando materiali naturali e di recupero, reinterpretando il mosaico tradizionale con il filtro dei temi dei nostri giorni, di responsabilità e d’amore verso il Pianeta Terra.

Presso 4quarti hai esposto alcuni tuoi quadri (possiamo definirli così?) Realizzi anche altre opere?
Sì, quadri o pannelli, poiché il supporto sui quali li realizzo è spesso caratterizzato da vecchi pannelli di legno, porte, finestre… Inoltre realizzo vari complementi d’arredo e lavori su commissione di ogni misura. Realizzo sculture tuttotondo e la linea di bijoux “Diversamente preziosi”.

Dai più importanza all’idea o alla forma?
Per me hanno pari importanza, ma se una deve prevalere, penso e spero che sia sempre l’idea.

E i colori che ruolo svolgono?
I colori sottolineano l’idea
, creano l’atmosfera, trasportano chi guarda in un’altra dimensione. A volte comandano loro e…vincono sempre, non posso farne a meno!

Le tue opere evocano paesaggi incantati, fiabeschi. Sono magiche: guardandole ci si catapulta in un altro mondo. Quale messaggio vorresti dare a chi le osserva?
Il mio lavoro, la mia arte, è legata all’evasione. Lavorare con la materia, “farla parlare”, stupirsi di trovare l’elemento giusto al momento giusto della composizione mi fa viaggiare e mi fa approdare in quelli che tu definisci “paesaggi incantati fiabeschi”. Come ho spiegato, vivo la mia arte come un fluire spontaneo, con naturalezza. Per me creare quotidianamente è una necessità e non ho messaggi tanto urgenti come il mio personale bisogno di creare.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Sto ampliando il mio laboratorio
, mi dovrebbe permettere di lavorare meglio soprattutto su pezzi grandi. Ho tanti progetti. Un’idea è realizzare con cadenza settimanale laboratori per adulti e per turisti interessati a vivere esperienze nelle botteghe d’artista.

 

di Erika Gherardotti

 

Articolo pubblicato dalla redazione.
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×