SUPPLÌ AL TELEFONO

0 Flares 0 Flares ×

suppli telefonoPrima che cominciaste a leggere Lungarno, ad iniziarvi al fantastico mondo dell’editoria indipendente ed impegnata saranno state testate scientifiche come Topgirl e Cioè.

So che ricorderete tutti con immensa malinconia la rubrica del sessuologo, dove ragazzine parecchio sveglie ponevano quesiti esilaranti del tipo “Se dopo mi lavo con la Coca-Cola?” oppure “Posso restare incinta se metto lo slip del mio ragazzo?” la cui risposta era più o meno “Con le stesse probabilità di assaggiare un piatto di spaghetti mangiato da qualcuno con cui siete al telefono”.

Ecco, la stessa tecnica dovrete usare se vorrete gustare questi supplì e salvare il girovita. Figure surrealiste e favole di Rodari a parte, queste cosine fritte hanno a che fare con il telefono solo perché una volta aperti, appena pronti, un filo di mozzarella simile a quello telefonico, vi si snoderà tra le due parti fumanti, per voi che avevate una vita prima dell’era del wireless, di Whatsapp e del fantacalcio.

Voi appartenenti al mondo di “Pronto casa Cucuzza? Posso parlare con Giusy?”, “Chi è?” “Sono una sua amica” e lì a fianco aveva pronto il ganzo di turno da passarti e che non voleva farsi sgamare dai tuoi genitori. Non credo vi daranno al cuore l’emozione perduta di quel filo, che vi congiungeva matericamente all’amato come Arianna a Teseo, ma di sicuro non vi negheranno la promessa certa di una botta al fegato.

 

Illustrazioni e parole di Marta Staulo

 

Per gli amici Stoló, tiene ‘a pummarola int’e vvene e non indossa mai i pantaloni.
Architetto ed event manager, trova giustificazione ad ogni dramma nelle stelle. Dura in sensi plurimi, si destreggia tra ristoranti, sac à poche ed illustrazioni foodie a suon di shoegaze.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×