Black Mamba Tattoo

0 Flares 0 Flares ×

11402810_1040651015946955_6820285249994679196_nDendroaspis polylepis è il nome scientifico per indicare uno dei serpenti più velenosi del mondo. Altresì conosciuto come “Black Mamba” non è solo il nome comune di un pericoloso e veloce rettile.
Distante dai caldi territori africani dove solitamente vive, Black Mamba Tattoo è invece un regno di tatuaggi da poco aperto in Via Scialoja, a Firenze. Lo studio è frutto del lavoro di Giada – siciliana d’origine e toscana d’adozione – la quale dopo un passato umanistico, una laurea in Scienze Naturali, una specializzazione in Biologia molecolare e cellulare, decide di intraprendere la carriera di tatuatrice. La correlazione? Nessuna.

 

16938877_291526354597910_1258671797333976615_nÈ difficile dire come nasce qualcosa: si tratta di un lungo percorso fatto di circostanze, eventi e scelte. Il primo tatuaggio lo feci a 18 anni. Sempre più affascinata e curiosa, comprai un kit su internet e cominciai a tatuare qualsiasi superficie che avesse una consistenza tatuabile: dalle arance alle patate fino alle mele, passai dalla sperimentazione ortofrutticola a quella animale, comprando la pelle di maiale in macelleria”.


Il serpente
sintetizza simbolicamente anche il logo dello studio. Geometrico e carico di nero ma comunque dinamico, richiama a tratti l’elica del Dna, un po’ l’arte di Escher e omaggia da lontano la Trinacria. Io ci vedo la determinazione di chi sa cambiare pelle, adattandosi sinuosamente al mondo, proprio come fanno i serpenti.

 

 

Crede nei film in bianco e nero, nei muffin allo yogurt e nella raccolta differenziata.
Detesta le persone che parlano di sé in terza persona nelle loro biografie e prende sempre piatti a base di pomodorini pachino anche se sa che dovrà separare le bucce dalla polpa. Una a una. Sempre. Sono “inciampata” in Lungarno nel 2013. Mi è piaciuto. Non l’ho più mollato. Per Lungarno scrivo, fotografo (potete trovare la nostra gallery su Instagram) vendo borsine, vedo gente, faccio cose, mangio, non prego, amo.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×