Firenze Jazz Fringe Festival

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×

“Possiamo dire che il jazz è un virus, un virus di libertà, che si è diffuso sulla terra, “infettando” tutto ciò che ha trovato sulla sua strada: il cinema, la poesia, la pittura, la vita stessa”. (Steve Lacy)

Il segreto sta nel lasciarsi contaminare, nell’aprire percezioni, sensi e desideri a un genere musicale che continua a scavare in profondità, ad allargare le proprie radici, a basarsi sullo scambio, sull’incontro tra artisti e arti come elemento essenziale della sua stessa natura.

FJFF2Furio Di Castri sa bene che tali elementi, uniti ai sound più contemporanei e sperimentali e a una filosofia che mira alla coesione e all’originalità, producono effetti speciali anche a lungo termine. Il “suo” Fringe negli anni del Torino Jazz Festival ne è stato una fertile e frizzante dimostrazione che ora può avere una speciale rinascita migrando a Firenze: dal 13 al 17 settembre, infatti, il quartiere Oltrarno sarà il cuore pulsante del Firenze Jazz Fringe Festival, una proposta culturale alternativa – diretta sempre dal contrabbassista torinese – nel programma dell’Estate Fiorentina, che ha “adottato” idee e progetti.

L’Arno farà da scenario e alcova, con la sua zattera galleggiante, a oltre 50 eventi gratuiti che chiameranno nel capoluogo toscano 150 artisti, alcuni dei quali di fama internazionale: Gianluca Petrella, Giovanni Falzone, Ngueyn Le, Francesco Bearzatti, Philippe Garcia, Roberto Gatto, Gavino Murgia e Bojan Zulfikarpasic sono solo alcuni dei nomi che faranno vibrare il finale della stagione musicale estiva in location suggestive e insolite come la Torre di San Niccolò, piazza Santo Spirito e la Chiesa di San Felice.

“Un festival che si muove al di là delle comuni leggi del mercato della musica e che investe sugli incontri tra artisti e le arti, su produzioni originali e sperimentazione, sulla promozione dei giovani talenti e il coinvolgimento attivo del pubblico – commenta Furio Di Castri – Il nostro Fringe è nato per andare controcorrente (…) E risalire il corso di un fiume significa esplorare, andare alla ricerca delle sorgenti e scoprire qualcosa che non si conosce”.

 

JAZZ FRINGE FESTIVAL
dal 13 al 17 settembre 2017
www.fjff.it

 

di Giulia Focardi

 

 

Articolo pubblicato dalla redazione.
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×