Gli storni di Santa Maria Novella

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×

storni santa maria novellaSturnus vulgaris” è il nome scientifico. Augelletto passeriforme d’una ventina di centimetri, non esattamente bellissimo col suo nero tendente a un lugubre violaceo. Somiglia ad un corvo in minore, quanto ad inquietudine. Trattasi di  uccello “gregario”, quindi uso a formare grandi raggruppamenti: lo storno in stormi.

C’è un momento del giorno, verso il tramonto, nel quale gli storni tornano alla magione, o al nido, che dir si voglia. Lo fanno tutti assieme, in nuvole sinuose che sembrano premonizioni bibliche o questioni da aruspici. Non solo. Lo fanno rumorosamente, emettendo garruli stridori, in una gara a chi si procaccia il miglior posto per il pernottamento. Alla sera, sopra la venerabile chiesa di Santa Maria Novella, si ritrovano non già le boccaccesche sette giovani donne, ma migliaia di storni. E il fragore è assordante, tanto da coprire qualsiasi altro rumore. Per un momento è come l’Apocalisse, e poi torna tutto alla normalità. L’ora degli storni.

 

 

di Riccardo Ventrella

 

Articolo pubblicato dalla redazione.
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×