Idee in Testa

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×

La storia come sappiamo tutti, si ripete sempre.

Immaginate una bionda, capelli a caschetto morbidi, foulard al collo, golfino di lana color mattone, pencil skirt, una pistola in mano ed un basco color cammello in testa. È Faye Dunaway in Gangster Story, film del 1967, dove insieme ad un bellissimo Warren Beatty interpretano Bonnie e Clyde.

Ecco, io da piccola mi sarei sempre voluta mascherare da Bonnie, non perché avessi idee estreme da guerrafondaia, né perché amassi le armi (nemmeno adesso per inciso!), ma per lo charme e lo stile vintage assolutamente affascinante che emanavano i suoi look nella pellicola di Arthur Penn. La moda anni ‘30 si è sempre sposata con il mio gusto.

Camicette bianche e gonne di seta al ginocchio. Micro giacche di velluto nero o bianche a micro quadretti. Scarpe Mary Jane lucide. Borsette a mano in pelle. Un unico comune denominatore: il basco appunto.

La moda, nonostante sia ciclica, ha questo grandissimo difetto: se un accessorio o un capo non sfila nelle passerelle, non sarà mai reperibile per noi comuni mortali nemmeno nelle catene low cost. Ma chissà perché da questo autunno, qualcuno (che poi: ma chi saranno questi qualcuno che divulgano il verbo?), ha decretato che il basco avrebbe imperversato in ogni dove, ci è mancato poco che non lo dessero come allegato dei quotidiani.

Baschi con perle, con ricami, con spille, in lana e in velluto. Baschi che vanno dal più tenue rosa  pallido e cammello al più acceso rosso, passando attraverso l’onnipresente blu e nero.

A differenza di altre tipologie di cappelli, il basco si adatta perfettamente a chiunque, conferendo un tocco particolare al volto e regalando al look una allure vintage con poco sforzo.

Il mio consiglio è quello di partire da un colore basico come il blu: sono certa che una volta indossato il vostro primo basco non ne potrete più fare a meno, abbinatelo ad un rossetto rosso e non avrete bisogno di altro. Ultimo punto a favore del basco (e di ogni altro cappello in realtà), è l’utilizzo fondamentale quando occorre coprire una capigliatura non proprio perfetta: guardate a questo oggetto come al vostro quotidiano salvavita in caso di appuntamento dell’ultimo minuto, dato che il basco può essere tenuto tranquillamente sulla vostra testa anche in un luogo chiuso!

 

di Marta Pancini

Articolo pubblicato dalla redazione.
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×