Musart 2018: Arte e musica a Firenze non vanno in vacanza

0 Flares 0 Flares ×

Firenze città d’arte e intrattenimento anche d’estate; sta difatti per prendere il via la terza edizione del Musart Festival, felice connubio tra divertimento e nutrimento culturale situato nella suggestiva location di Piazza Santissima Annunziata.

Nato nel 2016, il Musart ha riscosso da subito un ottimo consenso, proponendosi come un evento in grado di unire la vista delle bellezze artistiche di Firenze a degustazioni gourmet di classe, per far sfociare il tutto in concerti in grado di soddisfare qualsiasi palato uditivo.
Nomi di spessore quale Yann Tiersen e Paolo Conte hanno riempito in passato la piazza con le loro note, e la nuova edizione non si presenta certo da meno.

A sigillare la prima giornata saranno i Baustelle, gruppo di culto per il rock italiano, un progetto sempre più raffinato ma al contempo in grado di scuotere ancora l’anima degli ascoltatori.

Un ottimo preludio dunque, per un calendario che vede al suo interno anche la storica band progressive dei Jethro Tull, capitanata dal magico flauto di Ian Anderson.

Un nome leggendario, così come lo è almeno negli italici confini quello di Francesco De Gregori, che si esibirà con una formazione con cui ha girato Europa e Stati Uniti, e con la quale alternerà pezzi nuovi ai successi storici del passato.

Ma non è tutto qui, anzi: ci saranno anche serate dedicate alla musica classica, alle colonne sonore del film e alla danza. Per la gioia dei più giovani si esibirà anche il vincitore di San Remo Ermal Meta.

Un programma vasto e variopinto, che rende il Musart appetibile per tutte le età. Gli appassionati di musica, pittura e perché no del buon cibo sanno quindi cosa fare, perché per sconfiggere l’afa estiva non c’è niente di meglio che un tuffo nel profondo mare dell’arte.

Il Musart si terrà da martedì 17 luglio a venerdì 28 luglio. Il cuore pulsante è situato nella piazza Santissima Annunziata, ma gli spettatori potranno visitare anche luoghi d’arte situati vicino, quali il Museo degli Innocenti, o la Biblioteca Umanistica dove ogni sera della kermesse verrà proiettato un documentario sui principali musicisti italiani, da Dalla all’amico fragile De Andrè.

La biglietteria è invece situata in Piazza Brunelleschi.

www.bitconcerti.it

 

Matteo Massi

Classe 87, Matteo Massi nasce cresce e vive nella brulla provincia toscana. Ama scrivere, si laurea in Media e Giornalismo e prova a farne una professione con scarsi risultati. Gli piace ascoltare la musica dal vivo, invidiando sempre quelli sul palco in quanto capace di suonare a malapena i campanelli.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Pin It Share 0 Google+ 0 0 Flares ×