recensione 12 results
  • Nothingwood Party: la Hollywood afgana

    La Compagnia di Firenze (Via Cavour, 50/R) fino al 31 dicembre porta in sala le rocambolesche avventure del volto più noto del cinema afgano. Nothingwood Party, presentato alla Quinzaine des Realisateurs di Cannes e al Biografilm Fest di Bologna, della regista Sonia Kronlund, è un docu-film su Salim Shaheen, produttore, regista, attore e ...
  • Un Orient Express che non arriva del tutto a destinazione.

    Passati quarant’anni dall’adattamento cinematografico del libro di Agatha Cristhie di Sidney Lumet, Kenneth Branagh riporta sul grande schermo “Assassinio sull’Orient Express”. Il “baffuttissimo”, ostentatamente truccato, Hercule Poirot dopo un abile e rocambolesco incipit è atteso a Londra. Bloccato sul convoglio a causa di una ...
  • Ho visto cose nel 2049 che nel 1982 non osavo immaginare: Blade Runner 2049

    Blade Runner 2049 non è solo un sequel del capolavoro del 1982 di Ridley Scott, ma riesce a mantenere, con grande rispetto, il contatto con il passato conservando un’autonomia critica. Dopo trent’anni i replicanti della Tyrell Corporation sono stati messi fuori legge, Niander Wallace (Jared Leto) ne rileva l’attività. L’agente K (Ryan ...
  • SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Un grandioso e stimolante Tom Holland debutta con un film tutto suo. La conoscenza di Tony Stark, aka Iron Man, e l’aver combattuto al fianco degli Avengers, accendono nel giovane Peter Parker (Tom Holland), liceale del Queens, il desiderio di far parte di qualcosa di molto più grande di lui e diventare uno degli eroi più potenti della Terra. ...
  • Wonder Woman: la Dea delle Amazzoni al fianco degli umani

    La Wonder Woman di Patty Jenkins è finalmente uscita nelle sale cinematografiche. L’hype intorno alla prima supereroina protagonista di un film standalone DC era altissimo e, tra vari entusiasmi e delusioni, la DC ha dimostrato di aver fatto qualche passo in avanti rispetto ai precedenti Batman V Superman: Dawn of Justice e Suicide Squad. ...
  • “JUNCTION 48”: la musica rap e la fragilità giovanile nel conflitto israelo-palestinese

    Il Festival Middle East Now 2017 ha portato a Firenze la pellicola del regista israeliano Udi Aloni, “Junction 48”, già premiata l’anno scorso dal pubblico alla Berlinale. L’introduzione del regista, prima della proiezione, si è concentrata sulla figura di Juliano Mer-Khamis, israeliano e palestinese, direttore del “Teatro della ...
  • Silence – Abbandonarsi al silenzio di Dio

    L’ultima attesissima opera di Martin Scorsese, uscita nelle sale italiane il 12 gennaio, è tratto dal romanzo Silenzio di Shūsaku Endō e parla di un percorso doloroso alla riscoperta della fede. Sebastião Rodrigues (Andrew Gardfield) e Francisco Garupe (Adam Driver), sono due padri gesuiti portoghesi che partono alla ricerca del loro ...
  • La Pazza Gioia

    La mitomane estremamente dotata di dialettica Beatrice Morandini Valdirana insieme alla tatuata e fragile Donatella Morelli sono ricoverate a Villa Biondi, un istituto terapeutico per donne ritenute socialmente pericolose. Il film di Paolo Virzì, presentato nella sezione Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2016 e attualmente ...
  • Lo chiamavano Jeeg Robot: LA MARVEL DE NOANTRI

    Dal titolo sicuramente più che alle storie dei beniamini Batman o Spiderman viene da pensare ai manga giapponesi, ma il nostro "Lo chiamavano Jeeg Robot", primo lungometraggio di Gabriele Mainetti, è una trasposizione molto particolare di un Marvel in una Roma contemporanea. Enzo Ceccotti, romano di Tor Bella Monaca, non esattamente colui che ...
  • Seleção de Cinema: Confia em mim

    Confia em mim (Fidati di me), il terzo dei film che siamo andati a vedere durante questa seconda edizione del festival Seleção de Cinema, esce nel 2014 diretto da Michel Tikhomiroff. La trama:  Mari, talentuosa chef ma estremamente insicura, trova in Caio l’amore della sua vita. Non tutto però è come sembra. Confia em mim (primo ...