Di Davide Di Fabrizio e Marco Tangocci

Firenze NoCost è la guida (anti)turistica più pazza che ci sia e i suoi autori hanno mappato per anni fontanelle, vinai, scorciatoie, trattorie sconosciute; portano in giro storie, immagini, suoni di questa città. Per i lettori di Lungarno consigliano “le favolose due e mezzo”, questo mese dedicate al quartiere di Sant’Ambrogio.

www.nocost.guide

La pizza di Firenze Nocost

1. Pizzeria “Malborghetto”

Via dell’Agnolo 22 / lun-ven 10.30-00, sab-dom 19-00

Per una pizza volante è la scelta NoCost: è ottima e costa solo 2-2,50€ al trancio. Accomodatevi pure nel dehors e accompagnatevi con un birrino. Ma il Malborghetto a noi piace anche per cena, perché apprezziamo il gusto della semplicità: si scelga la preferita tra i nove tipi di pizza, e si scelga anche il diametro. Una margherita standard costa 6€ mentre una extra-large 16.

2. Sushi “Iyo Iyo”

Borgo Pinti 25r / lun-sab 19-23.30

Visto che il sushi è il cibo più sexy del mondo premettiamo subito che Iyo Iyo non è il locale più sexy del mondo. È una sushi-trattoria dove ci si apparecchia da soli. Finite le note negative, da Iyo si mangia il crudo di Toshi, un vero giappo-sushi-chef. Si ordina alla carta e noi vi consigliamo il Menù Iyo Iyo a 15€ (zuppa di miso, misto sushi e vino a profusione). E non perdetevi il Lampredotto Don (6€), geniale fusion tra lampredotto, riso e zenzero.

Tabernacolo di Borgo la Croce

E ½. Tabernacolo per i giustiziandi

Borgo La Croce 15

Iconografie strane a Firenze non mancano, si sa. In questa che vi proponiamo oggi Jesus è rappresentato nell’atto di scendere dalla croce per ricongiungersi a Maria, che a sua volta guarda il passante tendendogli la mano. L’insolito affresco fu realizzato nel 1714 da Giuseppe Moriani “a estremo conforto dei giustiziandi”: sì, perché da qui un tempo passavano i condannati che dalle carceri venivano condotti fuori mura per la pena capitale.