Ho avuto un solo (sufficiente anche) amore tossico e una quantità non ben definita (a volte forse ero sbronza) di uomini che definire inutili è riduttivo. Tendenzialmente posso dire che la mia fallimentare vita sentimentale è colpa mia. È colpa mia perché all’amore (poi amore solo per me, manco a dirlo) tossico ho dedicato oltre un decennio basandomi solo sul fatto che “a modo suo mi voleva bene” e – questo gli va riconosciuto – che era l’unico che mi regalava indimenticabili orgasmi (quelli degli altri si potevano dimenticare dopo due giorni o non erano pervenuti). Ho buttato anni di vita, pensavo non sarebbe mai successo a me; invece, sono stata debole e sono rimasta là, ad aspettare che lui mi amasse. E nel frattempo (perché comunque innamorata quanto vuoi ma, ecco, non scherziamo) collezionavo storie che o boicottavo o non decollavano o nelle quali mi imbattevo in inqualificabili teste di cazzo (uno mi ha fatto ripartire da Londra, dove ero andata a trovarlo, dopo avermi rubato il telefono e cento euro). Ho chiuso con l’amore tossico da qualche mese, ma soprattutto ho perdonato lui (non aveva colpa per non avermi amata, ma ne aveva per certi comportamenti) e me stessa. Mi sono perdonata per aver mandato all’aria la mia vita sentimentale perché amavo solo lui. Mi sono perdonata sì, ma mai pentita, perché resterà l’amore della mia vita anche se non ci incontreremo mai davvero. Trovare il coraggio di “lasciarlo andare” (anche se lui non c’è mai stato realmente) è stata la cosa più difficile che ho fatto a livello emotivo. Ovviamente, nonostante questa scelta liberatoria, continuo a imbattermi in storie disastrose con uomini che non sanno veramente come stare al mondo. Forse non è solo colpa mia. No anzi ne sono certa.

Dear Britney, prima di tutto qua la mano. Tirarsi fuori da una relazione tossica non è roba da poco, quindi chapeau e prenditi un attimo per goderti gli applausi, te li meriti. Detto questo: certo che non è solo colpa tua se ti sei trasformata in una calamita per casi umani dato che – breaking newsil mondo è popolato per la quasi totalità da gente improponibile e su questo c’è poco da fare. Metterti a rieducare plotoni di maschi potrebbe essere giusto un tot al di là della tua portata, a meno che tu non abbia particolari aspirazioni alla santità, però posso suggerirti qualcosa di meno impegnativo che ti migliorerà comunque la vita: salutare la curva e startene un tot per i fatti tuoi. Non una settimana, non un mese; il tempo necessario per rimetterti in piedi Britney adorata, perché mi pare che sia ancora lontano il giorno in cui gli strascichi di quello che hai passato svaniranno dalla tua vita come Paola Barale dai palinsesti italiani. Si dice che finiamo sempre per trovare esattamente ciò che stiamo cercando, e sospetto che non sia proprio del tutto una cazzata. Nel tuo caso, quello che stai cercando è un mollusco da cui farti prendere a pesci in faccia per sostituire l’invertebrato che non puoi avere e che – devo dirtelo, Britney – quegli indimenticabili orgasmi te li ha venduti parecchio cari, altro che regalati. Dai retta a mammà, prenditi una pausa da uomini, donne e da ogni tentativo di trovare qualcuno che ti ami al di fuori di te, perché mi sa che finché non ti vorrai per lo meno un po’ di bene gli incontri che farai potranno solo peggiorare. Sì, lo so baby, a questo giro sono di una banalità disarmante, ma anche le nostre vite lo sono, per quanto ci piaccia raccontarci il contrario. Insomma, amica: esci, viaggia, chiuditi in casa, lavora come una pazza, licenziati, fai quello che ti pare ma PRENDITI DEL TEMPO PER RICOSTRUIRTI UN’AUTOSTIMA e non aspettare che arrivi qualcuno che lo faccia al posto tuo perché – te lo garantisco – non succederà ♥

Affidate dubbi, dilemmi e inconfessabili segreti in forma 100% anonima a: tellonym.me/amorazzi. Ogni mese il vostro amichevole amorazzo di quartiere risponderà in questo spazio.

LEGGI LE ALTRE LETTERE DI AMORAZZI:
https://www.lungarnofirenze.it/category/rubriche/amorazzi/